Korda-Mannarino: presentazione finale ATP 250 Astana

Sfida inedita per il titolo tra il 23enne statunitense e il 35enne francese alle ore 11:30 italiane del 3 ottobre.

Tempo di lettura: 2 Minuti
497

Martedì 3 ottobre alle ore 11:30 (15:30 locali), sul cemento indoor del National Tennis Centre di Astana in Kazakistan, andrà in scena la finale del singolare maschile dell’Astana Open 2023 che vedrà opposti per la prima volta il 23enne statunitense Sebastian Korda al 35enne francese Adrian Mannarino (match in differita TV su Supertennis alle ore 17:15). Già assegnato il titolo nel doppio: la coppia testa di serie numero 2 composta dagli statunitensi Nathaniel Lammons e Jackson Withrow si è imposta su quella numero 4 costituita dal croato Mate Pavic e l’australiano John Peers con un duplice 7-6 in un’ora e 37 minuti.

Korda a caccia del 2° titolo, Mannarino del quarto

Sebastian Korda, numero 5 del seeding, ha l’opportunità di rinverdire nella sua sesta finale in carriera in un torneo ATP il suo unico titolo conquistato a maggio del 2021 a Parma nell’Emilia-Romagna Open contro Marco Cecchinato.

Per Adrian Mannarino, numero 6 del torneo, si tratterà, invece, della quattordicesima finale in carriera in un torneo ATP. Il bilancio per il tennista mancino di Soisy-sous-Montmorency nelle sfide decisive per l’assegnazione del titolo è tutt’altro che positivo avendo riportato soltanto tre successi (Rosmalen Championships nel giugno 2019, Winston Salem Open nel luglio 2022 e Hall of Fame Open 2023 a Newport nel luglio 2023) a fronte di dieci sconfitte.

Il cammino dei due giocatori all’Astana Open

Sebastian Korda si è guadagnato l’accesso alla finale superando al primo turno l’australiano Alexei Popyrin (7-6, 6-7, 6-4), negli ottavi di finale il portoghese Nuno Borges (6-4, 7-6), nei quarti di finale l’olandese Tallon Griekspoor (6-4, 4-6, 6-3) e in una semifinale particolarmente combattuta. il serbo Hamad Medjedovic (6-7, 7-6, 7-6). Il nativo di Bradenton in Florida ha ceduto complessivamente tre set ed è rimasto in campo per quasi nove ore.

Adrian Mannarino ha, invece, raggiunto l’obiettivo prevalendo nell’ordine sul connazionale Arthur Rinderknech (7-6, 6-2), sul russo Alibek Kachmazov (6-2, 5-7, 6-3) e sugli austriaci Jurij Rodionov (6-1, 7-6) e Sebastian Ofner (6-4, 6-2). Il tennista francese ha sinora perso un solo set ed è rimasto 100 minuti in meno rispetto al suo avversario.