Conference League: la Fiorentina gabbata al 90′ dal West Ham

Grande delusione in casa viola, il sogno si spezza allo scadere con il gol, inaspettato, di Bowen

Tempo di lettura: 4 Minuti
510
Calciomercato Fiorentina

Calciomercato FiorentinaQuesta volta a far piangere i tifosi viola, dopo la delusione della Coppa Italia persa contro l’Inter, sono gli inglesi del West Ham, i quali a dir poco sorprendentemente, segnano al 90′ il gol della vittoria, quando ci si avviava alla bagarre dei tempi supplementari ed eventuali rigori.

L’amarezza è tremenda perchè la Fiorentina era in pieno controllo,  la fiammata dei britannici ha messo nel cassetto  tutti i sogni ancora in volo dei ragazzi di mister Italiano, a cui vanno fatti i complimenti per aver giocato una gara sempre propositiva e mai di rimessa.

Tanto e vero che il possesso della palla era ampiamente nelle loro mani e piedi, alla fine risulterà del 67% contro il  33% dei calciatori di Moyes. L’amarezza per Commisso è doppia, perchè oltre alla sconfitta, immeritata,  sul campo c’è stata anche la brutta pagina degli scontri tra i tifosi, dove gli inglesi hanno dato prova di essere poco sportivi.

La cronaca in breve

Primo tempo

La prima occasione è dell’attaccante Antonio, il quale non riesce ad imprimere forza alla sua conclusione, che Terraciano neutralizza senza difficoltà. All’ottavo minuto  il tiro di Mandragora  esce sul lato destro dell’esperto portiere Areola. Le 2 squadre si affrontano a viso aperto e la Fiorentina mostra tutte le sue giocate migliori ed il credo calcistico del loro formidabile allenatore.

Il West Ham è sempre sull’ attenti ed è pronto a mettere in pericolo la retroguardia di Patron Rocco Commisso con delle ripartenze  pericolose, tipiche del calcio del Regno Unito.

La viola, però, è attrezzata per questo tipo di gioco e risponde colpo su colpo. Allo scadere del primo tempo, esattamente al 49′, l’incontro potrebbe prendere una piaga diversa, infatti il colpo di testa di Kouamè prende il palo e successivamente  finisce sui piedi del talentuoso Jovic, che in tap-in  la mette dentro, ma l’esultanza è interrotta dal direttore di gara, l’iberico Del Cerro Grande, il quale annulla per fuori gioco, quindi si torna negli spogliatoi sullo 0 a 0.

Secondo tempo

Nei secondi 45′ accade di tutto con continui capovolgimenti di fronte;  anche se il possesso del gioco è della squadra italiana, di contro i britannici diventano insidiosi con delle accelerazioni improvvise. Da una di queste nè scaturisce il rigore per fallo di mani di Biraghi, con cui al 62′ passano in vantaggio con Benrahama. Il penalty è stato  assegnato dopo un’attenta valutazione al Var.

A questo punto ci si chiede se Amrabat e company siano in grado di acciuffare il pareggio, la risposta è si;  dopo soli 5′, al 67′, inizia l’avventura del centocampista Bonaventura che, dopo aver agganciato un ottimo assist, stoppa la palla con maestria e lascia partire un diagonale in area, imparabile per il portierone avversario,   ristabilendo così le ostilità. Il giocatore  suggella con questa rete una carriera invidiabile ai più.

Nei restanti minuti la formazione toscana sembra avere tutto sotto controllo e gli inglesi, seppur respinti nella loro metà campo, si dimostrano  temibili con i loro contropiede imprevedibili.

Da uno di questi, quando tutti aspettavano i tempi supplementari, arriva la rete di Bowen al 90′ che, ben servito dal suo compagno di squadra con un passaggio filtrante millimetrico, spezza il cuore alla formazione viola, la quale incredula incassa il colpo e vede sfumare la seconda coppa nel giro di poche settimane. Prima del gol del ko, la viola sarebbe potuta passare in vantaggio con l’occasione di Mandragora, la quale, però, non ha avuto l’esito sperato.

Le dichiarazioni del  mister Vincenzo Italiano:

“Perdere 2 finali, giocandole bene, fa molto male. Non mi aspettavo questo epilogo dopo la bellissima reazione della squadra  ed il pareggio di Bonaventura. Peccato per il 2 a 1 sfiorato da Mandragora, poi la disattenzione al 90′ ci ha puniti oltremisura facendoci perdere anche questa Coppa. Sicuramente ai supplementari saremmo stati favoriti noi. Sinceramente mi dispiace vedere i miei ragazzi, che definirei fantastici, distrutti così, credetemi è una sensazione brutta che mai avrei voluto vivere con loro”.

Le formazioni

Fiorentina: Terraciano, Dodò, Milenkovic, Ranieri (84′ Igor, Biraghi, Amrabat, Mandragora (93′ Barak), Bonaventura, Gonzalez, Jovic (46′ Cabral), Kouamè (62′ Saponara). All. Vincenzo Italiano.

West Ham: Areola, Coufal, Zouma (61′ Kehrer), Aguerd, Emerson, Rice, Soucek, Bowen, Paquetà, Benrahama (76′ Fornals), Antonio (94′ Ogbonna). All. D. Moyes.

Arbitro: Del Cerro Grande (Spagna).

Note: ammoniti per la Fiorentina Milenkovic, Amrabat e Mandragora; ammoniti per il West Ham Aguered, Bowen e Benrahma.

Possesso palla: 67% Fiorentina, 33% West Ham.

 

 

 



Sono stato un ex atleta agonista sia di sport collettivi che individuali. Ho praticato il calcio fino al 1996 arrivando alle soglie della serie D. Nello stesso anno un infortunio mi dirottò al Triathlon dove mi specializzai nelle lunghe distanze vincendo un argento ed un bronzo ai Campionati Italiani Age-group dell'Isola D'Elba, sempre su distanza Ironman (3.8 km di nuoto, 180 km di bici e 42 km di corsa). Ho iniziato a scrivere nel 2018 presso Supernews, poi nel 2020 ho iniziato a collaborare, per avere visibilità, con la Gazzetta Fan-news; infine sono approdato alla testata di Sportpaper nel settembre del 2021. Adesso spero si dare il mio contributo anche a News-sports. I miei cavalli di battaglia sono le interviste ai Campioni di ogni sport ed amo scrivere di qualsiasi disciplina perchè lo sport è vita.