Poker di vittorie, tra Elba e Prealpi Orobiche

Il primo appuntamento dell’IRC vede Danesi e Carrara sugli scudi mentre in CRZ brillano Gritti e Brignoli, arricchendo il bottino con una lunga serie di podi.

Tempo di lettura: 5 Minuti
712
Poker di vittorie, tra Elba e Prealpi Orobiche

È stato un fine settimana che ha messo a dura prova lo staff di Rally Sport Evolution, uscito a testa alta da un triplice impegno e ben quindici vetture al via.
Venerdì e Sabato si è dato il via ufficiale al Campionato Italiano Rally Asfalto con il Rally Due Valli, tappa di Coppa Rally ACI Sport di terza zona a coefficiente maggiorato, ed in terra scaligera la squadra di Ranica ha collezionato un buon nono di classe Rally4 grazie ad un Riccardo Bicego, alle note Federico Bicego su una Ford Fiesta Rally4, che si è divertito particolarmente alla guida, provenendo da un’aspirata, rinnovando la sfida per il futuro.
Dalla provincia di Verona a quella di Livorno, nelle stesse giornate, per la prima dell’International Rally Cup, il Rally Elba, che contava un poker decisamente agguerrito.
Centro al primo colpo per Emanuele Danesi, alle note Andrea Sarti, salito sul gradino più alto del podio di classe con la Peugeot 208 Rally4, buon secondo nella generale di gruppo RC4N.

“Prima volta all’Elba” – racconta Danesi – “su strade molto difficili, caratterizzate da tanti cambi di grip. L’auto è stata perfetta e tutto è filato per il verso giusto. Siamo molto soddisfatti.”

Un problema di natura tecnica ha bloccato, ancora prima del via, Claudio Rota, in gara con una Peugeot 208 Rally4 assieme a Marco Baraggia, non presentatosi in sede di verifica tecnica.
Secondo alloro isolano quello indossato da Mirko Carrara, in coppia con Valentino Tiraboschi su una Peugeot 208 R2, bravo ad iniziare la stagione con un bel successo in chiave IRC.

“È stata una gara davvero difficile” – racconta Carrara – “ma abbiamo tenuto sempre il nostro passo, senza prendere rischi inutili, ed alla fine ci ha ripagato con la vittoria di classe. Il campionato non poteva iniziare in modo migliore ed ora ci concentriamo per il prossimo Taro.”

Ritorno alle gare non semplice per Milko Pini, assieme ad Angelo Mirolo su una Renault Clio Rally5, insoddisfatto del proprio risultato, undicesimo di classe, ma consapevole di doversi rimboccare le maniche per tenere testa ad un gruppo di giovani avversari molto determinati.
La compagine bergamasca non poteva mancare all’appuntamento casalingo con il Rally Prealpi Orobiche, evento valido per la Coppa Rally ACI Sport di seconda zona, che tra Sabato e Domenica ha portato in bacheca una lunga fila di trofei, nonostante qualche piccola delusione.
Terzo gradino del podio in Rally4, quarto in gruppo RC4N e diciannovesimo assoluto, per un Luca Gualdi che, affiancato da Fabio Cortinovis su una Peugeot 208 Rally4, ha lamentato qualche problema di elettronica in avvio per poi vivere una seconda tappa tutta all’attacco.
Boccone amaro da digerire di fronte al pubblico amico per Matteo Ghirardi, su un’altra Peugeot 208 Rally4, costretto ad abbandonare la compagnia sulla quinta speciale, causa noie tecniche, mentre era secondo di Rally4, terzo di RC4N e sedicesimo nella provvisoria generale.
Per lui la soddisfazione di aver condiviso l’abitacolo con il rientrante Elio Tirone, assente dal sedile di destra da oltre due anni e tornato a recitare un ruolo determinante nell’equipaggio.
Il migliore tra le Rally4 è stato Mirko Gritti, alle note Mauro Donini su una terza Peugeot 208 Rally4 bergamasca, anche secondo di gruppo RC4N e quindicesimo nella classifica assoluta.

“Gara bella, auto fantastica e divertente” – racconta Gritti – “ma abbiamo commesso qualche errore di troppo. Senza questi ed un tempo imposto potevamo vincere anche il gruppo però, per essere alla prima gara con la 208 Rally4 dopo aver disputato le ultime sette con una trazione integrale, direi che sono contento. Grazie infinite al mio navigatore, a tutti i ragazzi della Rally Sport Evolution ed ai partners che ci hanno permesso di essere al via qui.”

Termina in anticipo, causa una toccata sulla terza speciale, la gara di casa di Nicolas Imberti, alla sua destra Martina Bertelegni, tradito dallo sporco all’uscita di un tornante sinistro.
Per il pilota della Peugeot 208 Rally4 la delusione per lo stop anticipato ma la soddisfazione per un feeling che stava maturando con la convinzione di poter staccare tempi interessanti.
Prima presa di contatto positiva, in un rally vero, tra Mattia Carminati e la Peugeot 208 Rally4.
Per lui, affiancato da Maurizio Sonzogni, un buon quinto di classe ed un decimo di gruppo RC4N che, nonostante vari errori lungo il cammino del weekend, lo gratificano in pieno.
Uno stato di forma fisica non ottimale del navigatore, Davide Mantegazza, ha obbligato Cristian Giumelli al parcheggio anticipato, già sulla prima speciale, della sua Peugeot 208 R2.
Rimanendo in ambito di aspirate, passando sulla Ford Fiesta R2, Manuele Olivari ha concluso al meglio la sua seconda apparizione in un rally, decimo in Rally4 – R2 e contento di aver tagliato il traguardo nella top ten, nonostante qualche problema ai freni nelle prime prove.
Doppietta in classe Rally5 con la vittoria conquistata da un Matteo Brignoli che, in coppia con Simone Brignoli sulla prima Renault Clio Rally5 lombarda, ha raccolto importanti punti in chiave CRZ ma anche in ambito di Michelin Trofeo Italia e di R Italian Trophy.
Ciliegina sulla torta personale il secondo gradino del podio nella generale del gruppo RC5N.

“Gara impegnativa ma stimolante” – racconta Brignoli – “ed abbiamo attaccato forte, dove ce la sentivamo, gestendo nel resto. Abbiamo iniziato al meglio la nostra stagione 2023.”

Ai piedi del podio, buon decimo in RC5N, ha terminato Matteo Pezzetta, alle note Gianluca Pirotta, autore di una gara leggermente in salita a causa della ruggine accumulata in sei mesi.
Per il pilota della seconda Renault Clio Rally5 lombarda il dazio è stato pagato sulle prime speciali, riprendendosi solamente sugli ultimi chilometri con un po’ di amarezza.
Dulcis in fundo, a completare l’uno due tra le Rally5, è stato Mattia Vona, al suo fianco Camilla Carini su una Renault Clio Rally5, quarto in gruppo RC5N e felice di aver posto la firma sul penultimo crono in programma.



Ho iniziato la mia attività nel web nel 2001 e mi sono specializzato nello sviluppo di strategie e progetti di comunicazione integrata online e offline, con particolare propensione verso l'ambito del motorsport. Grazie all'esperienza maturata nel corso di questi anni ho ampliato i miei orizzonti professionali riuscendo ad integrare forme di comunicazione tradizionale con le migliori opportunità che il web può offrire. Affianco il cliente sin dai primi passi, delineandone le esigenze e proponendo le soluzioni più adeguate al modello personale di business preso in esame con l'obiettivo di sfruttare al massimo i vantaggi che il mondo digitale, unito a quello tradizionale, è in grado di offrire.