AVBELJ, DISERÒ ED IL FATTORE GOMME AL FOLIGNO

Lo sloveno chiude terzo tra gli iscritti al Raceday, quarto assoluto, nonostante una foratura mentre va peggio al veneziano, rallentato pesantemente da una stallonatura.

Tempo di lettura: 3 Minuti
409

Maser (TV), 07 Marzo 2023– Un Rally Città di Foligno che si è rivelato particolarmente ostico con i portacolori di Xmotors Team, reduci da un fine settimana che li ha messi a dura prova.

Il terzo nonché penultimo atto del challenge Raceday Rally Terra ha visto giungere sul campo due piloti battenti bandiera della scuderia di Maser, ad iniziare dal riconfermato leader della serie Boštjan Avbelj, con Damijan Andrejka sulla Skoda Fabia Rally2 Evo di MS Munaretto.

Il pilota sloveno, sostenuto anche da La Superba, partiva forte ma non riusciva a trovare il giusto feeling sulla “Monte Alago”, rimanendo in lotta per il podio assoluto fino al termine.

Quando il gradino più basso distava solamente 4“5 una foratura, sull’ultima “Colle Croce”, lo costringeva ad accontentarsi del quarto assoluto, in gruppo RC2N ed in classe R5 – Rally2.

Un risultato che si traduce nel terzo tra gli iscritti al trofeo e che gli consente di mantenersi sia al comando della generale, seppur per sole cinque lunghezze, che dei raggruppamenti B.

Abbiamo trovato condizioni molto diverse dalle precedenti”– racconta Avbelj – “e sulla prima Monte Alago c’erano parecchie rocce. Il rischio di forare era alto. È stata una nuova esperienza per me perchè ho dovuto dire a me stesso di smettere di pensare alle condizioni e di concentrarmi sullo spingere a tutta. Abbiamo perso parecchio tempo mentre sulla Colle Croce avevamo una buona velocità. Ci stavamo giocando il podio assoluto ma una foratura sull’ultima ce lo ha tolto dalle mani. Ancora una volta la Fabia Rally2 di MS Munaretto ha volato. Grazie a loro per l’ottimo lavoro svolto ma anche ad Xmotors Team, a La Superba ed a tutti i partners.”

Una trasferta, quella in provincia di Perugia, che ha regalato amaro anche a Luca Diserò, alle note Stefano Peressutti su una Peugeot 208 Rally4 messa a disposizione da RB Motorsport.

Il pilota da San Michele al Tagliamento, vittima di uno stato influenzale e di problemi tecnici al mezzo durante le ricognizioni, partiva molto cauto, non sentendosi del tutto sicuro.

Al primo controllo stop di Domenica la classifica gli sorrideva, quarto tempo e non troppo lontano da una vecchia volpe come Martinis, ma era la successiva “Colle Croce” a decidere il weekend del pilota veneziano, costretto a dire addio ad ogni sogno di ben figurare.

Siamo partiti bene sulla seconda”– racconta Diserò – “perchè era una prova veloce e mi piaceva molto ma, ad un chilometro dalla fine, la ruota anteriore destra ha cominciato a perdere aria e, su una curva secca a sinistra, abbiamo stallonato. Abbiamo provato ad arrivare al termine della speciale ma, su un’inversione stretta, la gomma si è incastrata nel parafango e non riuscivamo più ad andare avanti. Abbiamo dovuto sostituire la gomma in prova, perdendo quasi sei minuti. Nelle successive speciali il nostro compito era solo quello di arrivare. Grazie a tutti i partners e mi scuso con loro per com’è andata. Grazie ad Xmotors Team ed a Maxmark..”

Con il quinto tra gli iscritti al Raceday ed il settimo in Rally4 Diserò scende al sesto posto nell’assoluta del due ruote motrici ma sale al terzo nella doppia del raggruppamento C.