Champions League, festa Napoli e Inter

Bilancio positivo per le squadre italiane nell’andata degli ottavi di Champions League. Dopo il Milan, vincono anche Napoli e Inter.

Tempo di lettura: 2 Minuti
549
Champions League

Champions League, festa Napoli e Inter. Ruggiti italiani sull’Europa calcistica. Nella massima competizione europea si stanno facendo onore Milan, Inter e Napoli. I rossoneri hanno battuto il Tottenham la scorsa settimana, grazia a un tuffo di Brahim Diaz. A Londra sarà battaglia, ma la truppa di Stefano Pioli è pronta. L’Inter ieri sera ha avuto la meglio sul coriaceo Porto, sfruttando l’espulsione di Otavio e la zampata di Romelu Lukaku una manciata di minuti dopo. La trasferta in terra portoghese sarà ostica, André Onana ha salvato più volte la porta nerazzurra. Il Napoli corsaro a Francoforte non ha fatto altro che confermare i numeri di un dominio impressionante. Non accade da una vita che tre squadre italiane si qualifichino tutte insieme ai quarti di finale, ma potrebbe essere il giro giusto. Hanno tutto per dire la loro in questa edizione 2022/23.

Champions League, festa Napoli e Inter. Victor Osimhen timbra la qualificazione

Il perfetto cross di Hirving Lozano e il puntuale appuntamento con il gol di Victor Osimhen sono stati il manifesto del Napoli andato in scena a Francoforte. Una squadra pratica e concreta, che ha concesso poco allo spettacolo e ha sfruttato appieno le ripartenze. Anche il raddoppio targato Giovanni Di Lorenzo è stato originato da una ripartenza. Il portiere Alex Meret ha osservato con beata tranquillità la sicurezza con la quale i compagni hanno sbrigato la pratica. L’Eintracht Francoforte non ha potuto nulla, troppo il divario tecnico con gli azzurri. Che hanno sbagliato anche un rigore con Kvicha Kvaratskhelia, poi scatenatosi a tutto campo.

Champions League, festa Napoli e Inter. I 75 mila di san Siro spingono i nerazzurri

Nella splendida cornice di San Siro, il Porto ha dimostrato di essere squadra vera, Giocando senza nessun timore reverenziale e cedendo le armi solo dopo l’espulsione di Otavio (grave perdita per l’allenatore Sergio Conceicao, ex giocatore di Lazio e Inter). La rete realizzata da Romelu Lukaku è stata salutata da un boato impressionante. Colpisce la solidità mentale della squadra nerazzurra, che ha combattuto metro per metro, determinata a portare a casa il risultato pieno. La trasferta di Oporto sarà il crocevia fondamentale della stagione nerazzurra, già positiva di suo. Il completo recupero di Marcelo Brozovic potrebbe essere l’arma in più di Simone Inzaghi al posto del sempre utile Henrik Mkhytarian.