Coppa Italia Basket, harakiri Milano !

Incredibile sconfitta dei milanesi, le rondinelle in semifinale. Ettore Messina sul banco degli imputati, la pazienza dei tifosi sta finendo ?

Tempo di lettura: 3 Minuti
478

Coppa Italia Basket, harakiri Milano ! Niente da fare, la stagione dei milanesi è nata storta. Persa la Super Coppa Italia, svanito il sogno Coppa Italia, play off Eurolega ormai una chimera….Rimane la corsa scudetto, ma ad oggi è difficile immaginare una squadra in grado di cucirsi il tricolore sul petto. Arrivati a questo punto della stagione saranno opportune profonde riflessioni. A cominciare dalla guida tecnica, affidata ad Ettore Messina. L’allenatore catanese è stato supportato in tutto e per tutto dal patron Giorgio Armani, con un credito illimitato mai concesso ai suoi predecessori. I risultati raggiungi nel quarto anno della gestione dell’ex Virtus Bologna, Cska Mosca e San Antonio Spurs non sono stati all’altezza degli sforzi profusi dalla proprietà. La pazienza dell’appassionata tifoseria biancorossa sta finendo…

Coppa Italia Basket, harakiri Milano ! Male Shabazz Napier, si salva solo Billy Baron

La Germani Brescia entrata all’ultimo tuffo nel tabellone delle “Final Eight”, dopo sei sconfitte di fila non ha rubato niente. Ha fatto una partita dove ha messo tutto ciò che aveva, cuore e coraggio. Le motivazioni hanno fatto la differenza, soprattutto nel primo tempo, terminato 45-29 per le rondinelle. Nella ripresa Milano ha recuperato 18 punti con una facilità disarmante, salvo perdere tre palle nel finale e sbagliare facili letture offensive. La peggior partita stagionale di Shabazz Napier ha sprofondato la squadra nelle solite difficoltà di inizio stagione. La rabbia e il talento di Billy Baron hanno permesso ai biancorossi di tenere botta fino alla fine, cedendo le armi con il risultato di 75-72. Da capire alcune scelte di Ettore Messina: perché non hanno giocato Tommaso Baldasso e soprattutto Johannes Voigtmann ? Perché insistere sull’usura fisica e mentale di Kyle Hines ?

Coppa Italia Basket, harakiri Milano ! Preoccupa il linguaggio fisico di Ettore Messina

Per chi segue la pallacanestro da una vita, è evidente la rassegnazione di Ettore Messina. Nessuna rabbia, nessuna reazione, occhi bassi. Linguaggio del corpo spento. Come se l’allenatore si facesse trascinare dall’ineluttabilità del destino biancorosso. Milano per budget e uomini è superiore non solo alla Germani Brescia, ma anche a tutte le altre squadre. Compresa la Virtus Bologna, manca quella scintilla che faccia esplodere la squadra in tutto il suo potenziale. Non si può pensare che un gruppo che annovera gente come Shabazz Napier (ex Nba), Gigi Datome e Nicolò Melli (una carriera piena di trofei), Timothé Luwawu Cabarrot (leggendarie vittorie con la nazionale francese), Johannes Voigtmann (uno dei lunghi più forti della scorsa Eurolega, insieme a Brandon Davies) non riesca a esprimere tutto il talento. Cambiare guida tecnica a questo punto è un dovere, non una suggestione.

Il tabellino dell’incontro:

EA7 EMPORIO ARMANI MILANO – GERMANI BRESCIA 72-75.

(19-20, 10-25, 26-11, 17-19).

(19-20, 29-45, 55-56, 72-75).

Olimpia Milano: Davies 2, Luwawu-Cabarrot 13, Tonut 2, Melli 4 (9 reb), Baron 18 (6 reb), Napier 13 (6 TO), Ricci 2, Biligha n.e, Hall 3, Alviti n.e, Hines 5, Datome 10. Coach Messina.

Germani Brescia: Gabriel 13, Massinburg 16, Nikolic 7, Della Valle 10, Petrucelli 11, Taylor n.e, Odiase 6, Burns 10, Laquintana n.e, Cournooh 2, Moss, Akele. Coach Magro.