Giustizia sportiva e mancato pagamento del contributo di accesso.

In caso di mancata allegazione della ricevuta del pagamento del contributo per l’accesso alla Giustizia Sportiva il ricorso è irricevibile.

Tempo di lettura: 2 Minuti
147
Pagamento contributo accesso Giustizia Sportiva
Pagamento contributo accesso Giustizia Sportiva
Secondo il Tribunale Federale NazionaleIl ricorso è irricevibile stante la mancata allegazione della ricevuta del pagamento del contributo per l’accesso alla Giustizia Sportiva”.

Ma procediamo con ordine.

Con ricorso del 05/10/2022, pervenuto presso la Segreteria del Tribunale in data 18 ottobre 2022, un calciatore – oggi residente nella provincia di Milano – ha adito il Tribunale Federale Nazionale – Sez. Tesseramenti al fine di richiedere lo svincolo per cambio di residenza ex art. 111 NOIF da una ASD appartenente al Comitato Regionale Umbria – LND.
Tuttavia il ricorso è risultato privo della prova dell’avvenuto versamento del contributo per l’accesso alla Giustizia Sportiva.
Inoltre è risultato che il ricorso non è stato inviato contestualmente alla controparte.

Giustizia sportiva e mancato pagamento del contributo di accesso: le motivazioni.

Secondo l’adito Tribunale Federale Nazionale – Sezione Tesseramenti “Il ricorso è irricevibile stante la mancata allegazione della ricevuta del pagamento del contributo per l’accesso alla Giustizia Sportiva”.
Invero, ai sensi dell’art. 48, comma 2, C.G.S., “I ricorsi ed i reclami, anche se soltanto preannunciati, a pena di irricevibilità, sono gravati dal predetto contributo. Il versamento del contributo deve essere effettuato entro il momento della trasmissione del ricorso o del reclamo all’organo di giustizia sportiva, anche mediante addebito sul conto campionato in cui il ricorrente o il reclamante sia una società, fatti salvi gli eventuali diversi termini di pagamento indicati dal Codice”.

Inoltre, il ricorso non risulta essere stato inviato contestualmente alla società controparte e ciò in violazione di quanto previsto dall’art. 49, comma 4, C.G.S., secondo cui “…copia della dichiarazione con la quale viene preannunciato il ricorso o il reclamo e copia del ricorso e del reclamo stesso, deve essere inviata contestualmente all’eventuale controparte con le medesime modalità”.

Sempre secondo il Tribunale “Poiché il contributo per l’accesso alla Giustizia Sportiva non è stato versato, il ricorso va dichiarato irricevibile, restando, pertanto, preclusa ogni valutazione nel merito. Trattandosi di un requisito previsto dalla norma quale condizione di ricevibilità del ricorso, la sua mancanza va rilevata in via pregiudiziale e priva di ogni rilevanza anche una eventuale successiva sanatoria del vizio riguardante la regolare instaurazione del contraddittorio”.

Giustizia sportiva e mancato pagamento del contributo di accesso: la decisione.

Il Tribunale Federale Nazionale – Sezione Tesseramenti, con Decisione/0008/TFNST-2022-2023, “definitivamente pronunciando, rilevato che, alla data odierna non risulta effettuato il versamento del contributo di cui all’art. 48, comma 2, CGS, dichiara irricevibile il ricorso presentato”.



andrea.paolucci85@gmail.com'
Avvocato, laureato in Giurisprudenza presso l’Università Luiss Guido Carli di Roma (anno 2011) con specializzazione in Diritto dello Sport. Sempre presso la Luiss Guido Carli ho frequentato (2009) il “Corso di perfezionamento sull’ordinamento giuridico del giuoco calcio”. Nel 2016 ho conseguito il master in “Avvocato d’Affari” presso la 24 Ore Business School e nel 2018 ho frequentato presso la Pontificia Università Lateranense il corso di alta formazione in “Etica della politica nell’epoca post moderna”. Avvocato dall’anno 2017, ho maturato esperienza presso primari studi legali in Roma nell’ambito del Diritto Amministrativo e dello Sport, svolgendo in particolare attività giudiziale, stragiudiziale e di consulenza nei settori di attività assistendo importanti società sportive e tesserati. Inoltre ho maturato esperienza presso importanti società private dove ho svolto l’attività di consulente nell’ambito del Diritto Civile con un particolare riguardo alla Contrattualistica ed al Diritto Sportivo. Offro consulenza ed assistenza legale nell’ambito del diritto sportivo, civile, amministrativo, pubblico impiego, immigrazione, cittadinanza e contrattualistica. Per info: mail: andrea.paolucci85@gmail.com tel.: 3284426553

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Controllo Anti Spam + 63 = 72