Quartu Sant’Elena: nuove attrezzature sportive per il Parco Europa

Lo sport a Quartu Sant’Elena assume un ruolo sempre più importante, i cittadini che approvano il progetto sono tanti.

Tempo di lettura: 2 Minuti
260

Quartu Sant’Elena. In una delle città più abitate del Sud Sardegna è stata avviata un’azione molto importante: favorire l’attività all’aria aperta decorando un’ampia area con delle attrezzature sportive. Il progetto risulta al momento avviato e a breve si avrà la possibilità di ammirare il lavoro svolto. Nel mentre, gli abitanti della città risultano contenti, in quanto definiscono questo gesto utile e salutare.

Quartu Sant’Elena: quale area è stata selezionata?

La zona selezionata per avviare questo progetto è proprio il Parco Europa di Quartu Sant’Elena. Si parla di un’area ideale, in quanto dispone di spazio e di una forma adatta al tipo di progetto previsto, oltre che essere tanto visitata da persone di tutte le età, perché permette di divertirsi e passare del tempo in compagnia di un bel paesaggio. Dopo aver fatto sì che la zona fosse completamente pulita da sporcizia e inciviltà, il Comune ha deciso di arredarla con varie attrezzature sportive, che danno la possibilità a tutte le persone che non hanno tempo o occasione di andare in palestra, di rimanere allenati. Il cantiere risulta essere molto caro, la spesa minima ammonta infatti a 25 mila euro, ma tutti sono disposti a utilizzare questa cifra, in quanto si parla di benessere della popolazione.

La parola degli esperti

Ad essersi espressa a riguardo, spiegando i vari aspetti di questo progetto, è stata l’assessora allo sport Cinzia Carta: “In un momento storico così delicato e difficile, l’amministrazione sta lavorando con assoluta tempestività su tutti i finanziamenti possibili, senza perdere l’occasione di avere risorse utili al miglioramento e al rilancio della città”.

Poco dopo si espresse a rigurardo l’assessore ai Lavori Pubblici, che pronunciò il seguente discorso: “Il Comune sta lavorando per cercare soluzioni per gli altri impianti sportivi. Intervenendo ad esempio con la messa a norma di alcune strutture, come Sa Forada, anche grazie ai finanziamenti del Pnrr. poi il Palazzetto dello Sport, le palestre scolastiche di via Inghilterra, di via Perdalonga, via Turati, via Palestrina e via Mons. Angioni”.



LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Controllo Anti Spam 64 + = 66