UN SUPER LAMONATO AL SAN MARTINO DI CASTROZZA

Il portacolori di Rally Team manca di un soffio il successo nel due ruote motrici, bene anche Baù, Mezzalira, Sbalchiero, Sommavilla, Reato e Crozzoli al Kumrovec.

Tempo di lettura: 4 Minuti
149
SAN MARTINO
SAN MARTINO

Rosà (VI), 14 Settembre 2022– Un fine settima ricco di soddisfazioni in casa Rally Team, a partire da un Rally San Martino di Castrozza che, corso tra Venerdì e Sabato scorsi, ha regalato la seconda perla di un Walter Lamonato particolarmente in forma e, dopo un’incredibile rimonta al Marca, soltanto due secondi e mezzo hanno separato lui e la sua Renault Clio Super 1600 di PR2 Sport, condivisa con Beatrice Croda, da un altro colpaccio.

Secondo tra le anteriori ed in classe S1600, terzo in gruppo RC3N e diciottesimo assoluto, anche primo tra gli Over 55, per un Campionato Italiano Rally Asfalto ed una Coppa Rally ACI Sport, zona tre, che lo vedono al comando delle operazioni nelle relative categorie.

Una lotta che si preannuncia tutta casalinga, in particolar modo in ambito CIRA, con un Luca Frare che, in coppia con Nadia Rastelli su una Renault Clio Super 1600 di MS Munaretto, si è dovuto accontentare, divertendosi, di un quinto posto in S1600 che lo mette nelle condizioni di inseguire l’amico e rivale, ritardo di sole tre lunghezze, mentre nella terza zona di CRZ il quarto posto, a meno dodici dalla vetta, tiene ancora aperta la partita in vista del conclusivo Due Valli.

A San Martino di Castrozza, dopo cinque mesi di assenza, si è rivisto anche Alessandro Battaglin, in coppia con Selena Pagliarini su una Hyundai i20 R5 targata PR2 Sport.

Il rosso da Marostica ha dovuto affrontare due principali incognite, l’esordio sul bagnato con la coreana e con le coperture Michelin, accusando poi alcune noie di natura tecnica che lo consigliavano di abbandonare la compagnia, dopo il quarto crono, mentre era decimo assoluto.

Trasferta terminata in anticipo anche per Matteo Largo, alle note Lorenzo Micheletto su una Peugeot 208 R2 di La Marca Racing, autore di una toccata contro un rail sul primo passaggio della prova di “Col Falcon”, frutto dell’inesperienza e della tanta voglia di far bene.

Vittoria solitaria in classe A7, condita da qualche jolly giocato sul fondo viscido, per Eddi Baù, affiancato dalla giovane Martina Schiavo, a bordo di una Renault Clio Williams gruppo A di Julli.

Weekend produttivo per Nicolò Mezzalira, assieme a Christian Ronzani su una Renault Clio RS di gruppo N, in testa fino all’ultima prova speciale e poi costretto a cedere la leadership in N3.

Qualche problema tecnico sofferto ma tanta la gioia per un cospicuo bottino che lo porta al terzo posto nel CIRA, tra le vetture produzione a due ruote motrici con soli undici punti di ritardo dal primo, conquistando matematicamente la terza zona di CRZ, in classe N3.

Debutto bagnato per Paolo Alessio, alla prima sulla Peugeot 106 Maxi Kit Car di Galiazzo con Enrico Sandri alla sua destra, buon sesto di classe A6 e soddisfatto dell’equilibrio trovato.

Una scelta di gomme sbagliata, sulla “Gobbera” del Venerdì sera, ha segnato la prestazione di Roberto Carlo Sbalchiero, a conti fatti terzo di classe RS20 sulla Renault Clio 3 Racing Start, griffata Leon Competition e condivisa con Felice Martini, rafforzando la seconda piazza di CRZ.

Posto giusto e momento giusto per l’esordiente Emanuele Sommavilla, con Patrick Masoch su una Peugeot 106 Rallye gruppo N di Team Autocar, bravo a cogliere il momento chiave della due giorni trentina, andando a vincere la classe N2 e piazzandosi decimo nel gruppo RC5N.

Un risultato che lo inserisce direttamente nei quartieri nobili di una CRZ di zona tre che, ad una sola gara dal termine, lo vede secondo, in coabitazione, a meno nove dal pass per la finale.

A seguirlo a ruota, su una vettura gemella, ci ha pensato Daniel Reato, con al suo fianco Luca Zollet, che, per la sua seconda tra le millesei del produzione, ha firmato tre delle sette prove in programma, evitando rischi sul bagnato e concludendo con un buon secondo di classe N2.

La matematica lo tiene ancora in gioco, in chiave CRZ di zona, con un quarto posto che, a meno dodici dall’accesso all’atto conclusivo, potrebbe ancora riservare colpi di scena.

Ma la scuderia con base a Rosà è stata protagonista anche oltre confine ed in Croazia, negli stessi giorni, si è corso l’undicesimo Rally Kumrovec, appuntamento valevole per l’Alpe Adria Rally Cup che ha visto protagonista un, finalmente, fortunato Marco Crozzoli.

Il pilota dell’Opel Astra GSI gruppo A, iscritto dall’ACN Forze di Polizia ma sostenuto dalla compagine vicentina, ha condotto una gara sgombra da ogni tipo di problema tecnico, chiudendo con un buon quarto posto tra le S2, con Fabio Treccani al suo fianco.

Un risultato maturato affrontando condizioni meteo complicate e che, nonostante qualche intoppo nelle precedenti tappe della serie, lo porta in vetta alla classifica provvisoria di classe.



LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Controllo Anti Spam 51 + = 60