Ultim’ora: Cristiano Ronaldo positivo al Covid

L’annuncio è stato dato in giornata dalla federazione portoghese

15

Anche Cristiano Ronaldo è risultato positivo al Covid dopo il consueto giro di tamponi effettuato il giorno che precede la sfida di Nation’s League del suo Portogallo contro la Svezia.

Cristiano Ronaldo positivo al Covid

Come si sapeva sin dall’inizio della pandemia, il virus non avrebbe fatto eccezioni e si sarebbe ‘accasato‘ anche nel mondo del calcio. Dopo la positività di Zlatan Ibrahimovic (un altro protagonista illustre del nostro campionato) tocca a Ronaldo, ora costretto ai 10 giorni di quarantena obbligatoria prevista dal nuovo Dpcm entrato in vigore nella giornata di lunedì 12 ottobre. Sicuramente una notizia che avrà scosso anche l’ambiente bianconero, che farà a meno di Cr7 nella prossima sfida di Serie A contro il Crotone e nella trasferta di Champions League di Kiev con la Dinamo. Il covid sta tornando in tutta Europa come testimoniano i numeri delle ultime settimane e, si attendono nuovi sviluppi nelle prossime settimane, potrebbero esserci cambiamenti nei format dei vari campionati con l’introduzione dei playoff-payout.

Il momento è tutt’altro che semplice e serve trovare una soluzione quanto prima, per garantire continuità al mondo calcio, una delle industrie più importanti a livello internazionale. La positività di Cristiano non può che aprire un discorso parallelo in vista del derby di Milano di sabato 17 ottobre, visto che l’Inter conta 7 positivi e nella giornata odierna è stata riscontrata la positività di Bonera (membro dello staff tecnico dei rossoneri). Il match dovrebbe regolarmente disputarsi, anche se restano tante le incognite sulla applicazione del protocollo stipulato di comune accordo da Figc e Ministero della Salute.

Juventus-Napoli sullo sfondo

Dopo quasi due settimane non si sono placate le polemiche su Juventus-Napoli, di cui (ancora) si attende la decisione del Giudice Sportivo. I partenopei non si presentarono alla Stadium per la positività di due giocatori dopo la comunicazione della Asl territorialmente competente: un tema, questo, che necessita di risoluzione immediata al fine di evitare nuovi episodi simili.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui