Musa Juwara, dall’arrivo su un barcone al sogno di giocare in Champions

La favola del giovane attaccante del Bologna che dopo essere arrivato in Italia dal Gambia, ora sogna di poter giocare in Champions.

160

Il calciatore del Bologna, Musa Juwara , è uno dei principali protagonisti della vittoria della squadra allenata da Sinisa Mihajlovic contro l’Inter. Giovane dalle grandi prospettive, l’attaccante di recente ha raccontato la sua storia di un ragazzo arrivato in Italia con il barcone e che adesso gioca in Serie A.

La storia di Musa Juwara

Nato il 26 dicembre 2001, Musa Juwara ha recentemente raccontato ai microfoni di Sky Sport la sua storia e quando è arrivato in Italia il 10 giugno del 2016 . Approdato a Messina, dopo aver attraversato il Mediterraneo su un barcone carico di migranti, aveva solo 15 anni. I suoi genitori, però, erano rimasti in Gambia. La madre, di professione insegnante, infatti, aveva venduto tutto pur di consentire al figlio di raggiungere l’Italia. Cresciuto calcisticamente nelle giovanili dell’Avigliano, squadra della provincia di Potenza, qui ha imparato molto dall’allenatore Vitantonio Summa. A tal proposito Juwara ha affermato: “Il signor mi è stato sempre più vicino, è molto più di un allenatore”.

Un viaggio, quello dall’Africa, che ha provocato molto sofferenza. In tal senso il calciatore ricorda: ” Volevo aiutare la mia famiglia . Uno dei miei fratelli mi aveva detto che poteva portarmi in Europa. Così siamo andati fino in Libia e sono saliti su una barca per raggiungere l’Italia. Una volta in Basilicata, ho iniziato a giocare a calcio: è una lingua universale. Lì ho fatto bene, ho segnato tanti gol e sono andato al Chievo “.

Il sogno del giovane attaccante

Proprio il Chievo lo ha fatto esordire in Serie A nel maggio del 2019 contro il Frosinone, per poi essere acquistato dal Bologna . “Quando sei giovane devi essere umile. Io invece ho fatto gol a San Siro e sogno di giocare ogni settimana per conquistare un ruolo da protagonista a Bologna”, ha affermato il giovane Juwara. Alla domanda su quale sia il suo sogno ha poi aggiunto: “ Giocare un giorno in Champions League . Voglio essere di esempio per tanti ragazzi e bambini del Gambia “.

A Bologna è riuscito ad instaurare un bel rapporto con l’allenatore Mihajlovic. “Il signor mi dice sempre quello che devo fare, ci prepara sempre bene in settimana”. Ma non solo, Juwara ha anche trovato un fratello maggiore acquisito, ovvero Musa Barrow , attaccante e connazionale tre anni più grande di lui, con cui ha una grande amicizia e cui è legato anche da un simpatico aneddoto su un monopattino. “Ho visto che l’ha comprato Barrow e me l’ha suggerito. Mi è piaciuto e l’ho preso. Musa per me è come un fratello . Mi dice che devo sempre allenarmi bene anche quando non gioco, per essere immediatamente pronto quando il signor mi chiama in causa “.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui