Poker di podi per Rally Sport Evolution

Ghisu e Fosci all’Asinara, tappa inaugurale della Coppa Rally ACI Sport di nona zona, mentre Tsakiris e Chiappa brillano sulle strade della Valle Intelvi.

Tempo di lettura: 3 Minuti
154
Poker di podi per Rally Sport Evolution

Archiviato l’ennesimo tour de force in casa Rally Sport Evolution, impegnata in tre distinti campi di gara con ben undici vetture da accudire, ad iniziare dall’apertura di Coppa Rally ACI Sport di zona nove in occasione del Rally Golfo dell’Asinara.
In Sardegna il migliore è stato Alessandro Ghisu, alle note Nicola Demontis, che ha portato la Peugeot 208 Rally4 al secondo posto di classe Rally4, di gruppo RC4N ed al decimo assoluto.

“Condizioni difficili ed un’auto che usavo per la prima volta” – racconta Ghisu – “ma, nonostante abbiamo fatto un po’ di fatica con il setup, ne è uscito un risultato che ci rende contenti e soddisfatti. Grazie al mio team ed ai partners siamo riusciti a stare tra i migliori dieci assoluti.”

Un Sabato molto difficile, causa scelta sbagliata di gomme, ha penalizzato la prestazione di Stefano Cani, al suo fianco Davide Spanu su una Peugeot 208 Rally4, bravo a non abbassare la guardia, spingendo nella giornata di Domenica, chiudendo quattordicesimo tra le Rally4.
Il primo a masticare amaro è stato Giovanni Martinez, in coppia con Marco Demontis su un’altra Peugeot 208 Rally4, costretto a veder sfumare un terzo posto di classe, di gruppo RC4N ed un quindicesimo assoluto, uscendo di scena alla Domenica per la rottura del pedale del freno.
Una penalità incassata non ha tolto il sorriso a Giampaolo Moreno Fosci, con Salvatore Azteni su una Renault Clio Rally5, terzo di classe e buon settimo nella generale di gruppo RC5N.

“Il risultato poteva essere anche migliore” – racconta Fosci – “ma, per pochi secondi, siamo arrivati in ritardo ad un controllo orario. Va bene comunque, siamo soddisfatti del risultato.”

Dal sud al nord per fare tappa al Rally della Valle Intelvi, sempre tra Sabato e Domenica, con un Nikolaos Tsakiris che, assieme a Nikos Intzoglou su una Peugeot 208 Rally4, è salito sul terzo gradino del podio in classe, sesto in RC4N con un buon bottino per il Lakes Rally Trophy.

“La nostra seconda gara nel Lakes Rally Trophy” – racconta Tsakiris – “non poteva avere finale migliore. Siamo tornati qui per fare esperienza e divertirci, in condizioni meteo difficili. Abbiamo gestito la nostra terza posizione, guardando ai punti per la serie. Grazie a tutto il team.”

Cristian Giumelli, in coppia con Roberta Steffani, ha invece dovuto dare l’addio anticipato ad un secondo di classe, sulla sesta speciale per un semiasse andato, con la sua Peugeot 208 R2 mentre stava accendendo una bella rimonta che lasciava presagire l’attacco alla leadership.
A salvare il bilancio della squadra corse di Ranica tra le aspirate è stato un positivo Davide Chiappa, alle note Miriam Marchetti su una Peugeot 208 R2, ha chiuso secondo in Rally4 – R2, sfiorando pure la generale di un gruppo RC4N che lo ha visto terminare in quarta piazza.

“È stato tutto perfetto” – racconta Chiappa – “ed è stato un peccato perdere così tanto tempo sulla speciale in notturna perchè, per il resto della gara, eravamo sempre a pochi decimi tra i migliori tre e si poteva anche puntare a giocarsi una classe che era alla nostra portata.”

Manuel Ponchiardi, con Roberta Franzoni, si è invece fatto un gran bel regalo, debuttando sulla Peugeot 208 R2 lombarda dopo una lunga militanza tra le millesei del produzione.
Il pilota della trazione anteriore d’oltralpe ha sfiorato il podio all’esordio, nonostante un po’ di fatica nell’adattarsi ad una guida privata del servofreno, chiudendo quarto in Rally4 – R2.

Un problema tecnico al Sabato, sulla Renault Clio RS gruppo N, ha tolto dalle mani un quasi sicuro successo ad un Mattia Ciapessoni che, in compagnia di Lorenzo Bertagnon, ha sfogato tutta la sua frustrazione vincendo tutte le prove della Domenica per chiudere quarto in N3.
Piedi del podio anche per Marco Melino, quarto in Rally5 ed in RC5N sulla Renault Clio Rally5 condivisa con Michele Sandrin, penalizzato da una scelta errata di gomme in avvio.
Infine in Trentino si è assistito al ritorno di un evento particolarmente atteso, la Cronoscalata Levico – Vetriolo – Panarotta, ritrovata tappa del Trofeo Italiano Velocità Montagna, zona nord.
Ai nastri di partenza, su una Peugeot 208 Rally4, esordiva Gianluca Ruaben, sesto in classe E13000 ma moralmente secondo dovendo fare i conti contro ben quattro Skoda Fabia Rally2.
Per lui una gara entusiasmante, resa complicata dalle mutevoli condizioni del meteo.



LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Controllo Anti Spam + 2 = 10