Pericolo enorme tsunami ed eruzione, ecco dove e perché è allarme

Pericolo enorme tsunami ed eruzione, ecco dove e perché è allarme, uno scenario che potrebbe accadere a breve

Tempo di lettura: 1 Minuti
4299
Pericolo enorme tsunami ed eruzione, ecco dove e perché è allarme

Pericolo enorme tsunami ed eruzione, ecco dove e perché è allarme. C’è un gigante in agguato nelle profondità marine, vicino alla Fossa delle Marianne: si tratta di un vulcano che sembra in procinto di eruttare e di causare scompiglio in tutte le aree circostanti. Ecco dove si trova, cosa potrebbe causare, la preoccupazione della comunità scientifica e la sua possibile e imminente attività riportata su Libero.it.

Pericolo enorme tsunami ed eruzione, ecco dove e perché è allarme, scenario preoccupante

Come si apprende su Libero.it:

‘Navi e aerei che transitano e transiteranno nell’area dove il vulcano giace sono già stati messi in allerta. Sì, perché non è ancora chiaro se l’eruzione del vulcano in questione sarà esplosiva e cosa potrebbe succedere: in questo momento, infatti, biologi marini e ricercatori sono al lavoro per interpretare tutti i possibili segnali.

I satelliti artificiali hanno messo in evidenza delle variazioni di colore dell’acqua a circa 18 km a sud est dell’isola di Farallon de Pajaros, vicino alla Fossa delle Marianne. Ovviamente, il responsabile di questa variazione di colore era l’Ahyi Seamount, vulcano sottomarino che si trova a circa 137 metri dalla superficie del mare.

L’Ahyi Seamount non è ritenuto come fortemente pericoloso, ma quando avvia il processo d’emissione esplosiva (cosa che potrebbe accadere a breve) può creare visibili risalite a galla di magma, che possono estendersi per chilometri, e causare forti scosse di terremoto’.

Le anomalie registrate sino a ora, farebbero presagire e pensare al peggio. Ovviamente, appare piuttosto evidente che, qualora uno dei vulcani sottomarini dovesse eruttare, darebbe vita a uno tsunami che si infrangerebbe contro le coste delle terre limitrofe al vulcano stesso, come accadde per Tonga. L’allarme appare piuttosto alto, nonostante in molti stiano monitorando la situazione, anche se la sua collocazione non permette che ciò avvenga in modo semplice e preciso. Vi aggiorneremo qualora vi fossero degli aggiornamenti.

 

Fonte: Libero.it



LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Controllo Anti Spam 9 + 1 =