Juventus, il tifo contro due giocatori

Ancora problemi fra i bianconeri e il tifo organizzato. Una piaga che riguarda anche l’Inter, con i fatti emersi dopo l’omicidio del capo ultras

Tempo di lettura: 3 Minuti
456

Juventus, il tifo contro due giocatori. Dura presa di posizione da parte degli ultras della Juventus, nei confronti di Federico Gatti Carlo Pinsoglio, difensore centrale e terzo portiere del club bianconero. Davanti all’Allianz Stadium, a Torino, è stato appeso uno striscione contro i due calciatori, che recita testualmente: “Gatti da te non ce l’aspettavamo, Pinsoglio di te lo sapevamo….la Juve siamo noi”.
Ma cosa è accaduto per far scattare la rabbia del tifo bianconero? La Juventus ha vinto a Lecce, la squadra si raduna a centrocampo e poi esce dal campo, ignorando i tifosi bianconeri nel settore ospite. L’unico che va ad applaudirli, è Nicolò Fagioli, autore del gol vittoria. Ed ecco che, anche da alcune immagini sui social, si vedono proprio Carlo Pinsoglio e Federico Gatti che lo vanno a fermare, facendo tornare indietro il centrocampista. Un gesto che non è piaciuto ai tifosi bianconeri che ora contestano i due giocatori.

Juventus, il tifo contro due giocatori. La direttiva partita dalla società ?

Il saluto da parte dei giocatori ai propri supporter è uso comune da anni e anni. Addirittura fino ai primi anni novanta si assisteva a invasioni festose dei tifosi, entravano sul campo da gioco per festeggiare con i loro beniamini. Andando ancora più indietro nel tempo era facile vedere un giocatore conversare amabilmente con uno sconosciuto tifoso. Adesso invece il sentimento si è impoverito: il tifo è diventato organizzato e pericoloso, l’invenzione dei social ha necrotizzato un mondo di haters che vomitano invidia e pochezza umana su giocatori e società, colpevoli di tanta ricchezza economica. Il giocatore di calcio vive in un mondo a parte, dove il contatto umano giocatore-tifoso è praticamente inesistente, tranne rare eccezioni. La polizia, i carabinieri e gli addetti alla sicurezza sono un muro invalicabile per gli innamorati del calcio. Stando a quanto filtra, sarebbe un ordine vero e proprio impartito dalla società bianconera ai giocatori, quello di non andare sotto la curva del tifo organizzato. La Juventus prende le distanze dalle connessioni con gli ultras. prolifere di procedimenti legali negli anni passati.

Juventus, il tifo contro due giocatori: il dispiacere di Carlo Pinsoglio e Federico Gatti

Ovviamente i giocatori in questione hanno letto lo striscione e hanno espresso la propria amarezza a compagni, dirigenti e staff tecnico. Si tratta di due ragazzi sensibili, molto legati alla causa e che in una stagione complicata stanno dando tutto l’apporto possibile, in campo e nello spogliatoio. Il terzo portiere è cresciuto nel vivaio bianconero e dopo un lungo peregrinare in giro per la penisola è tornato a Vinovo nell’estate 2017, diventando in breve tempo uno dei leader riconosciuti della squadra juventina. Il difensore centrale Federico Gatti è al primo anno in bianconero, alla scuola di Leonardo Bonucci. L’attuale capitano sta pilotando il nuovo arrivato nel pianeta Juventus e nei piani societari ne dovrebbe raccogliere l’eredità. Il giocatore è anche nel giro della nazionale azzurra, il ct Roberto Mancini ci conta molto. L’auspicio è che la situazione non degeneri oltre la stupidità assoluta dello striscione esposto e che i due giocatori possano continuare a lavorare tranquillamente per raddrizzare una stagione nata male.

 

 

 



LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Controllo Anti Spam 2 + 6 =