Notizie Basket, Romeo Sacchetti lascia la nazionale

Tempo di lettura: 3 Minuti
247

Notizie Basket, Romeo Sacchetti lascia la nazionale azzurra. Il tecnico, che era in carica dal 2017, lascia dopo 5 anni (e 50 partite) nei quali ha riportato l’Italia alle Olimpiadi dopo 15 anni di assenza grazie alla storica vittoria di Belgrado con la Serbia. Torneo olimpico nel quale la squadra ha poi ben figurato arrivando fino ai quarti. In mattinata l’incontro con il presidente federale Petrucci, al termine del quale si è deciso per la risoluzione consensuale. “A Sacchetti – si legge nella nota Fip – vanno i sentiti ringraziamenti per la professionalità e l’impegno dimostrati in questi anni e gli auguri per il prosieguo della sua carriera”. In poche righe l’annuncio di una decisione presa da tempo, ma nei piani la sostituzione doveva arrivare dopo l’Europeo di settembre, invece la notizia a sorpresa.

Notizie Basket, Romeo Sacchetti lascia la nazionale azzurra. Il nome del successore ?

Fra i candidati a guidare la nazionale azzurra ai prossimi campionati europei, spicca il nome di Gianmarco Pozzecco. Attualmente ricopre l’incarico di vice allenatore all’Olimpia Milano, accanto ad un altro pezzo di storia azzurra: Ettore Messina. Proprio l’attuale head coach milanese era fra i papabili, ma si è chiamato fuori da tempo. Ad ogni modo il presidente federale Gianni Petrucci, ha preso tempo. Piacciono anche altri profili, tipo Walter De Raffaele. Ma il nome del “Poz” è quello più caldo e soprattutto atteso dagli appassionati.

Notizie Basket, Romeo Sacchetti lascia la nazionale azzurra. Un pezzo di storia che se ne va

In carica dal settembre 2017 è stato il 22esimo Commissario Tecnico della Nazionale Italiana di basket. Il rapporto di Meo con l’Azzurro inizia ad Ancona in 21 maggio 1977, giorno in cui esordisce da giocatore con la canotta dell’Italia in un’amichevole vinta contro il Messico. Da allora, Meo ha collezionato 132 presenze e 947 punti con la Nazionale vincendo lo storico Argento ai Giochi Olimpici del 1980 a Mosca. Solo tre anni più tardi (1983) si laurea Campione d’Europa a Nantes dopo aver vinto anche l’Argento ai Giochi del Mediterraneo di Casablanca. Nel 1985 conquista un’altra Medaglia con la Nazionale, quella di Bronzo all’Europeo in Germania. Da Commissario Tecnico riporta gli Azzurri ai Giochi Olimpici (Tokyo 2021) dopo 17 anni e al Campionato del Mondo, quello del 2019 in Cina, dopo un’assenza di 13 anni (edizione precedente nel 2006 in Giappone).
Cresciuto nelle giovanili della Wild Novara, ha iniziato la sua carriera ad Asti per poi trasferirsi all’Auxilium Torino e poi al Gira Bologna esordendo prima in A2 e poi in A1. Chiuderà la carriera dopo 8 anni alla Pallacanestro Varese (1984/1992). Come allenatore riparte da Torino, poi Asti, Bergamo, Castelletto Ticino, Fabriano, Orlandina e Udine. Nel 2009 arriva a Sassari e in Sardegna scrive pagine indelebili per la Dinamo, portata dalla A2 al il triplete (Scudetto, Coppa Italia e Supercoppa) nel 2014. Con i sardi vince anche la Coppa Italia 2015. Il triennio alla Vanoli Cremona (2017/2020) porta in dote la Coppa Italia 2019. Nell’estate 2020 diventa l’allenatore della Fortitudo Bologna, ma la sua avventura con la Effe finisce a dicembre 2020. E’ il padre di Brian Sacchetti, 21 presenze e 101 punti in Nazionale e suo giocatore a Castelletto Ticino e Sassari. Dal 2016 fa parte dell’Italia Basketball Hall of Fame.

 



LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Controllo Anti Spam + 37 = 46