Notizie Juve, società divisa sui piani futuri

Dopo la sconfitta con l’Inter in Coppa Italia, vertice notturno fra dirigenti in hotel

Tempo di lettura: 2 Minuti
694
Exor-Juventus

Notizie Juve, società divisa sui piani futuri. Dopo dieci anni di successi, la Juventus finirà la stagione senza titoli. Perso il campionato già a metà stagione, eliminata dagli ottavi di Champions League per mano del Villarreal, sconfitta ieri sera nella finale di Coppa Italia. Allegri, tornato in pompa magna su un cavallo bianco, ha fatto peggio dell’esordiente Pirlo. La stagione scorsa i bianconeri con Pirlo al timone avevano vinto Supercoppa Italia e Coppa Italia. Sicuramente la presenza di Cristiano Ronaldo era un valore aggiunto, ma Allegri ha beneficiato del colpo da 70 milioni che risponde al nome di Vlahovic. Ma non si sono viste trame di gioco per tutta l’annata, la manovra è basata sui lanci di Bonucci verso gli attaccanti o sulle discese dei terzini e degli esterni. Manca il regista classico in mezzo al campo, ma Locatelli e Rabiot non sono gli ultimi arrivati e nemmeno Arthur, titolarissimo nel Barcellona di Messi.

Notizie Juve, società divisa sui piani futuri. Summit notturno fra i dirigenti, alla presenza di Allegri

Dopo la partita, i dirigenti e Allegri hanno fatto notte in una stanza del prestigioso hotel romano DG Prestige Room (situato in Via Veneto, la strada dell’eccellenza romana, della mondanità e delle celebrità). Dove hanno analizzato la partita e discusso sulle decisioni arbitrali e soprattutto sulle scelte operate dall’allenatore livornese. A buona parte della dirigenza, non è andato giù il cambio di modulo, con l’inserimento di Bonucci per difendere a cinque. E’ stato in quel momento che l’Inter ha preso il comando del gioco e delle operazioni. Alla riunione ha partecipato anche John Elkann, via collegamento video e ha lanciato una frecciatina ad Allegri, ricordandogli che lo stile Juventus non prevede risse verbali in campo e nemmeno lanci di cappotti (il tecnico non è nuovo al “lancio del cappotto”).

Notizie Juve, società divisa sui piani futuri. Allegri out ? Campioni o giovani ? 

Allegri a un certo punto, ha lasciato la saletta e la riunione, su richiesta dei dirigenti. Che hanno praticamente fatto l’alba, ragionando e discutendo. La dirigenza bianconera è divisa in due anime: quella che vorrebbe un nuovo corso, impostato sul rigore finanziario e i giovani, con un allenatore giovane e fresco e quella oltranzista, legata ad Allegri e che ritiene di dover continuare il percorso iniziato a settembre, migliorando i difetti strutturali emersi, ingaggiando un regista e altri prospetti funzionali alla rosa. Da una parte, Arrivabene e Cherubini, dall’altra Agnelli e Nedved. Quale linea passerà ? La scelta sarà di John Elkann, verosimilmente. Da tempo insoddisfatto degli ultimi anni della gestione di Andrea Agnelli, potrebbe decidere di fare un colpo di mano e cambiare i vertici, destituendo il cugino e il fido vice presidente Nedved. Con l’approssimarsi del calciomercato estivo, la decisione va presa molto velocemente e la settimana prossima sono previsti nuovi incontri nella sede bianconera fra le parti in causa.

 

 

 



LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Controllo Anti Spam 73 + = 77