BIS DI PODI, PER TRENTIN, ALLA PRIMA NEL TCR ITALY

Al debutto sull’Audi RS3 LMS DSG, in quel di Monza, il pilota di Carmignano di Brenta regala ad Xmotors Team una vittoria ed un terzo posto, deciso a puntare in alto.

102
TRENTIN
TRENTIN
Tempo di lettura: 3 Minuti

Maser (TV), 26 Aprile 2022– Cambio di rotta repentino per Mauro Trentin, una nuova direzione che ha portato il pilota di Carmignano di Brenta ad alzare notevolmente l’asticella.

Dopo aver iniziato la stagione nella FX Italian Series il portacolori di Xmotors Team ha deciso di gettarsi nella mischia della massima serie nazionale dedicata alle vetture turismo, il TCR Italy.

Nuovo campionato e nuova squadra con il patavino che, lo scorso fine settimana in quel dell’Autodromo Nazionale Monza, ha debuttato sull’Audi RS3 LMS DSG di Elite Motorsport.

Nonostante la classifica finale reciti una vittoria in gara 1 ed un terzo posto in gara 2, tra le vetture DSG, il primo approccio con la nuova compagna di avventura non è stato semplice.

In entrambe le sessioni di prove libere Trentin faticava a trovare il giusto feeling con la vettura della casa tedesca, finendo nelle retrovie della classe TCDS, ben lontano dal ritmo dei migliori.

Difficoltà che si rinnovavano anche in una sessione di qualifica chiusa con il quarto tempo.

Un fine settimana complicato”– racconta Trentin – “e lo è stato più di quanto possa sembrare. Sono arrivato a Monza senza aver fatto un chilometro di test ed ho fatto fatica ad adattarmi alla nuova vettura. Credevo di poter essere competitivo, da subito, ed invece non è andata così. Nella prima sessione di libere ho avuto buone sensazioni, peggio nella seconda. In qualifica è arrivato qualche segno di progressione ma non è quello che voglio, non è dove vogliamo stare.”

Il primo colpo gobbo della dea bendata arrivava già durante il giro di schieramento di gara 1 con Trentin che optava per una scelta di setup e di gomme da asciutto che veniva presto penalizzata dall’arrivo della pioggia, trasformando il tutto in un’autentica sfida ad eliminazione.

Tra una defezione e l’altra il portabandiera della scuderia di Maser dava vita ad un’accesa lotta con Giacon, riuscendo a prevalere ed aprendo la stagione dal gradino più alto del podio TCDS.

Dalla gioia bagnata del Sabato al calvario domenicale di una gara 2 che, sull’asciutto, portava alla luce le problematiche già viste, tra le libere e la qualifica, nelle giornate precedenti.

Nonostante questo Trentin riusciva ad ottimizzare il contesto, chiudendo terzo tra le DSG.

In gara 1 abbiamo portato a casa una vittoria insperata”– conclude Trentin – “ma preziosa per il morale mio e della squadra. I primi due si sono eliminati da soli, sul bagnato, e noi siamo riusciti a battere Giacon, al termine di un bel duello. In gara 2, alla Domenica, sono venuti fuori parte dei limiti che ho ancora. Per me era tutto nuovo ed oltre al cambio auto ci sono state parecchie novità tecniche. Il passaggio da Michelin ad Hankook, ad esempio, ma anche la rimozione dell’ABS sulle TCR DSG. Abbiamo limitato i danni anche se, a guardare la classifica, verrebbe da pensare ad altro. Grazie al team Elite Motorsport, in particolare a Nicola Novaglio. Non mi hanno fatto mancare niente, sia dal punto di vista tecnico che da quello umano. Grazie ad Xmotors Team ed a tutti i partners che mi permettono di essere al via del campionato numero uno, in Italia, per le turismo. Grazie anche alla mia famiglia ed alla mia compagna, sempre presenti. Lavorerò duro per tutti loro, per dare le soddisfazioni che tutti si meritano.”



LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

3 + 2 =